17 Mag 2016 News

Cannes 2016: Jeff Nichols presenta Loving, “la storia d’amore più pura della storia americana”

Jeff Nichols questa volta sorprende un po’ tutti e a Cannes con un lavoro incredibilmente lineare : Loving

2301532-jeff-nichols-ruth-negga-joel-edgerton-950x0-2

E’ la storia vera di Richard e Mildred Loving, due pionieri dei diritti civili della Virginia degli anni ’60. Due persone come tante, innamorate l’uno dell’altra e desiderose di metter su famiglia, di avere una casa grande e comoda con un grande terreno per lasciar giocare i figli. Protagonisti di numerose battaglie nei tribunali americani, sino ad arrivare davanti alla Corte Costituzionale, soltanto perché uniti in un matrimonio “misto” all’epoca in cui i matrimoni misti in Virginia non sono tollerati dalla legge; viene loro contestato anche il reato di essersi sposati in uno Stato diverso da quello di residenza, il District of Columbia. Dalla notte in cui lo sceriffo della Contea di King and Queen fa irruzione nella loro camera da letto, inizia per loro un calvario fatto di fughe, avvocati d’ufficio, lettere, ansie e preoccupazioni.

originalÈ stato da subito un film speciale per me” ha raccontato lo stesso Jeff Nichols, “abbiamo avuto accesso a tantissimo materiale, abbiamo conosciuto la famiglia Loving e ci siamo appassionati a questa storia. Solitamente Hollywood prende la verità e la modella a suo piacere, questa volta invece volevo che sullo schermo finissero i fatti in modo semplice e diretto. Non ci sono molte congetture da fare, idee da rimettere insieme o altro, chi ha visto il film ha capito che ciò che si vede è ciò che conta vedere, niente di più semplice. Sicuramente attraverso la sceneggiatura parlo di politica e di diritti civili, ma non avevo intenzione di fare un film politico, noioso come un discorso; mi premeva raccontare la storia d’amore fra Richard e Mildred, che credo sia una delle storie d’amore più pure della storia americana. Sulle loro vicende esiste anche un documentario della HBO, quando ho visto il trailer prima di iniziare la scrittura del film mi è venuto da piangere; l’ho subito inviato a mia moglie che al telefono mi ha detto ‘Jeff io ti amo, ma se non fai questo film chiedo il divorzio’. Così sono andato avanti con estrema convinzione”.

Richard e Mildred Loving hanno avuto nella loro vita tre figli, anche se solo Peggy è ancora in vita oggi, “sono stato a casa sua” ha continuato Nichols, “c’era un’atmosfera strana, c’era della musica nella casa e moltissime informazioni sulla famiglia Loving. Mostrarle la sceneggiatura è stata la parte più difficile della lavorazione, avevo paura del suo giudizio, in fondo parlavo di suo padre e sua madre, della ‘sua gente’. Lei ha sfogliato pesantemente pagina dopo pagina, poi a un certo punto ha iniziato a piangere, ho capito che probabilmente avevo fatto centro. È il mio modo di onorare queste persone, che nella loro semplicità hanno fatto cose immense. Spero anzi che questo film dia il via a nuovi dibattiti sulla questione, non bisogna mai mettere da parte i diritti civili.”

Protagonista del film insieme a  Ruth Negga un clamoroso Joel Edgerton, nel ruolo del complesso Richard Loving, un uomo rude ma gentile, dalle cento sfumature; la sua è un’interpretazione talmente convincente che molti hanno già “ipotizzato” ad un  Oscar, “ ho già un discorso pronto nel taschino” ha scherzato lo stesso Edgerton.

Chissà che la stampa della Croisette non porti fortuna.