12 Dic 2017 News

Star Wars Gli Ultimi Jedi: positive le prime reazioni della critica americana

Star Wars Gli Ultimi Jedi, scritto e diretto da Rian Johnson, arriva nelle nostre sale il 13 dicembre 2017 e per la gioia di tutti i fan di Star Wars, sembrerebbe che Episodio VIII sia appassionante, dotato di una sua personalità e ben calibrato in dramma e humor. Come lo sappiamo? Leggendo i tweet dei critici americani che hanno assistito alla proiezione di anteprima negli States. Ecco qualche segnalazione: teoricamente non contengono spoiler, anche se sappiamo che il vero fan costruisce suo malgrado teorie sulle suggestioni avviate da alcune parole, ergo sconsigliamo comunque a tali fan di procedere oltre.

Josh Horowitz ci dice: “Gli Ultimi Jedi ha più momenti da pelle d’oca di qualsiasi altro film di Star Wars io ricordi. Il franchise è in ottime mani.”
Germain Lussier scrive: “Non posso credere che Gli ultimi Jedi esista. Rian Johnson è un pazzo, lo adoro. Porta Star Wars al limite e lo rovescia su se stesso. Che film assurdo, fantastico. Se ne parlerà per tanto tempo ancora.”

Rachel Heine ha poche parole: “Gli Ultimi Jedi è fuori di testa. Onestamente non ho parole. E’ pieno fino all’orlo di sorprese. Evitate spoiler a tutti i costi!”
Secondo Eric Vespe“Gli Ultimi Jedi è incredibile. I personaggi sono al centro di tutto, le scene d’azione sono fantastiche e raccoglie i frutti di decenni d’emozioni. Lo guarderò tante e tante altre volte ancora.”
Perri Meniroff è contento: “Star Wars Gli Ultimi Jedi mi ha steso. Rian Johnson e la sua squadra hanno fatto centro: supense, risate, emozioni, ma soprattuto un grande passo avanti per i personaggi e il franchise. C’è del materiale ricchissimo da esplorare in futuro.”

Per Brian Lynch “Gli Ultimi Jedi è tutto quello che amate in Star Wars.”, mentre addirittura secondo Erik Davis è “a mani basse il miglior Star Wars dopo L’Impero Colpisce Ancora.”

Commenti negativi? Solo uno è gelido, quello di Gregory Ellwood“Gli Ultimi Jedi è una delusione, non riesco a credere di preferire Il risveglio della Forza.” Scott Mantz invece, pur contento globalmente del film, lo trova “un po’ troppo lungo e stiracchiato nella parte centrale”.


Fonte: CS