26 Giu 2018 News

Black Panther trionfa ai BET Awards di Los Angeles, l’equivalente degli Oscar per il cinema di colore

Il Black Power dell’entertainment si celebra coast to coast: “Black Panther“, il film campione di incassi di Ryan Coogler, ha trionfato ai Bet Awards di Los Angeles (l’equivalente degli Oscar per il cinema di colore), mentre il costume indossato da Chadwick Boseman per il ruolo di Re T’Challa (premiato come miglior attore) entra nel “pantheon” dello Smithsonian di Washington.

Ai Bet (Black Entertainment Television) il film sui supereroi neri della Marvel ha portato a casa il premio per il miglior film e per il miglior attore. Prima di ieri “Black Pantheraveva vinto quattro riconoscimenti agli Mtv Movie and Music Award e 14 nomination per i Saturn, la serata organizzata dalla USA Academy of Science Fiction.

Il successo al Microsoft Theater di Los Angeles apre per il film di Coogler la strada degli Oscar: Hollywood tradizionalmente snobba i film sui supereroi ma in passato ha fatto qualche rara eccezione premiando ad esempio Heath Ledger come miglior attore non protagonista per la parte del Joker in “Dark Knight”. Tutto questo renderebbe un successo degli eroi di Wakanda nella notte degli Awards ancora più notevole.

La serata di ieri e’ stata ad alto contenuto politico. “Non ci serve un presidente perché abbiamo il nostro re. Ryan Coogler ci ha dato un re“, ha detto l’attore Jamie Foxx nel monologo iniziale ricordando che “Black Panther” e’ diventato il terzo film campione di incassi di tutti i tempi: “E tutto questo per merito di uno di noi“. Intanto il costume di Boseman come Re T’Challa entra nelle collezioni del Museo della Storia Afro-Americana di Washington: lo Smithsonian ha acquistato uno dei fantascientifici abiti da battaglia indossato dall’attore durante le riprese, assieme alla sceneggiatura firmata da Coogler e una serie di foto ad alta risoluzione.

E sempre in materia di foto storiche, ispirato da uno scatto iconico del 1958, Netflix ha radunato 47 vip dell’entertainment afro-americani legati a una ventina di sue serie originali, film e documentari per uno spot su You Tube che ha debuttato ai Bet. Il video, intitolato “A Great Day in Hollywood“, raccoglie il testimone della foto “A Great Day in Harlem” dove nel 1958 furono fotografate assieme 57 leggende del jazz che all’epoca vivevano New York: da Charles Mingus a Count Basie e Thelonius Monk. Stavolta sui gradini di una casa simile a quella dello scatto originale si sono radunati Spike Lee, Alfre Woodward, e decine di altri nell’ambito di una campagna di Netflix per commissionare show apripista basati sull’esperienza dei neri d’America come “Dear White People”, “She’s Gotta Have It,” e “Marvel’s Luke Cage”.


Fonte: www.ansa.it