14 Ott 2020 News

No Time to Die: la sequenza di apertura molto diversa rispetto ai precedenti capitoli della saga di James Bond

A quanto pare, No Time to Die presenterà una notevole differenze rispetto ai precedenti capitoli della saga di James Bond: la sequenza di apertura, infatti, non riguarderà l’agente segreto più amato del grande schermo. Il 25esimo capitolo della longeva saga di successo segnerà l’ultima volta che Daniel Craig vestirà i panni dell’iconico 007. Proprio per questo, i fan non vedono l’ora di scoprire in che modo l’iterazione dell’attore britannico uscirà di scena, ma sfortunatamente bisognerà attendere fino ad Aprile del 2021 per scoprirlo (dal momento che il film,  è stato di recente posticipato ancora una volta).

Già le premesse di No Time to Die sono particolarmente interessanti: a quanto pare, infatti, nel film vedremo che l’agente segreto ha abbandonato il suo incarico speciale per intraprendere una vita tranquilla con Madeleine Swann, il personaggio interpretato da Léa Seydoux. Naturalmente, la sua pace non durerà a lungo: un segreto dal passato di Madeleine, infatti, minaccia di rovinare la loro storia; sebbene la natura di questo segreto non sia ancora chiara, i fan sospettano che abbia qualcosa a che fare con il villain mascherato del film, ossia Safin, interpretato dal premio Oscar Rami Malek. A cementare ulteriormente l’importanza del passato nascosto di Madeleine sarà l’inizio del film, che a quanto pare si discosterà parecchio dalla tradizione di Bond.

I fan della saga sanno benissimo che ogni film inizia con un’adrenalinica sequenza d’azione che vede protagonista proprio Bond. Tuttavia, in una nuova intervista che il regista Cary Fukunaga ha rilasciato al Wall Street Journal, è stato rivelato che No Time to Die romperà la tradizione e andrà in una direzione alquanto diversa rispetto al passato. La sequenza di apertura del film, infatti, sarà un esteso flashback sull’infanzia di Madeleine. Sì, avete capito bene: No Time to Die non si aprirà con una scena d’azione con protagonista 007.

Certamente, si tratta di una deviazione narrativa interessante rispetto alla tradizionale formula dei film di James Bond, che sottolinea non solo l’importanza del personaggio di Madeleine ai fini della trama, ma anche quanto i personaggi femminili siano andati incontro ad un doveroso rinnovamento. Oltre a Madeleine, No Time to Die presenterà infatti una 007 donna (Nomi, interpretata da Lashana Lynch) e diverse potenti figure femminili di supporto come Moneypenny (Naomi Harris) e la new entry Paloma (Ana de Armas). È proprio il caso di dirlo: questa volta, le donne dell’universo di Bond saranno più forti che mai.

In No Time to Die, Bond si gode una vita tranquilla in Giamaica dopo essersi ritirato dal servizio attivo. Il suo quieto vivere viene però bruscamente interrotto quando Felix Leiter, un vecchio amico ed agente della CIA, ricompare chiedendogli aiuto. La missione per liberare uno scienziato dai suoi sequestratori si rivela essere più insidiosa del previsto, portando Bond sulle tracce di un misterioso villain armato di una nuova e pericolosa tecnologia.

Il film vedrà protagonisti un cast d’eccezione composto da Daniel CraigLéa SeydouxRalph FiennesRami MalekNaomie HarrisBen WhishawJeffrey Wright, Ana de Armas, Rory Kinnear, Dali Benssalah, Billy Magnussen, David Dencik e Lashana Lynch.


Fonte: cinefilos.it